BANK RECOVERY AND RESOLUTION DIRECTIVE

Normativa europea sulla risoluzione delle crisi bancarie (Bail-in)

Dal 1° gennaio 2016 la direttiva europea BRRD, nei casi più critici di crisi di una banca, prevede l'applicazione di nuove procedure di risoluzione (quali per esempio il c.d. "bail-in", letteralmente "salvataggio interno"). Per maggiori informazioni, vi invitiamo a consultare i documenti ai link di seguito riportati.


INDICATORI PATRIMONIALI

Per valutare la solidità patrimoniale delle banche, vengono impiegati degli indicatori, chiamati ratios.

I parametri più utilizzati sono:
  • CET 1 (capitale primario di classe 1)
  • TIER 1 (coefficiente di capitale di classe 1)
  • TCR (Total Capital Ratio).

RATING LEGALITA'

Il rating di legalità è uno strumento introdotto nel 2012 per le imprese italiane, volto alla promozione e all'introduzione di principi di comportamento etico in ambito aziendale, tramite l'assegnazione di un "riconoscimento" - misurato in "stellette" – indicativo del rispetto della legalità da parte delle imprese che ne abbiano fatto richiesta e, più in generale, del grado di attenzione riposto nella corretta gestione del proprio business. All'attribuzione del rating l'ordinamento ricollega vantaggi in sede di concessione di finanziamenti pubblici e agevolazioni per l'accesso al credito bancario.
Si applica:

  • alle imprese cui sia stato attribuito il rating di legalità con delibera dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato;
  • alle pubbliche amministrazioni, in sede di concessione di finanziamenti, e alle banche che, in sede di accesso al credito bancario, devono tener conto rating di legalità delle imprese secondo le modalità previste dal decreto interministeriale n.57 del 20 febbraio 2014.

In particolare, ai sensi dell'art.4 del DM poc'anzi citato "Le banche tengono conto della presenza del rating di legalità attribuito alla impresa nel processo di istruttoria ai fini di una riduzione dei tempi e dei costi per la concessione di finanziamenti". Conformemente al disposto di legge, la BPPB ha disciplinato internamente i processi di concessione degli affidamenti in situazione di possesso di rating di legalità in capo alla controparte.

 


L.108/1996 SULL'USURA

Dal 1° gennaio 2016 la direttiva europea BRRD, nei casi più critici di crisi di una banca, prevede l'applicazione di nuove procedure di risoluzione (quali per esempio il c.d. "bail-in", letteralmente "salvataggio interno"). Per maggiori informazioni, vi invitiamo a consultare i documenti ai link di seguito riportati.



INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO

Art. 89 della direttiva 2013/36 /UE ("CRD IV")

NOTA INFORMATIVA FIRMA ELETTRONICA AVANZATA ("FEA")

La BPPB, nel perseguire obiettivi di efficienza ed innovazione, mette a disposizione della clientela la possibilità di firma su tavoletta digitale in sostituzione della firma su carta. Questa tecnologia permette di offrire un servizio più veloce e sicuro e contribuisce anche al rispetto dell'ambiente, eliminando la stampa dei documenti da firmare. Per maggiori informazioni, Vi invitiamo a consultare il documento al link di seguito riportato.


MUTUI CASA: ACCORDO ABI ASS. CONSUMATORI



DEPOSITI AL PORTATORE DIVENUTI DORMIENTI (DPR N. 116 DEL 22/06/2007)




CODICE ETICO




MiFID - MONITORAGGIO DELLA QUALITA' DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SUI MERCATI FINANZIARI


POLICY DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI



MODELLO DI PREVENZIONE DEI REATI

D.Lgs. 231/2001