News
  07.03.2017 - Banca Popolare di Puglia e Basilicata approva "il progetto di bilancio" 2016

 

Altamura, 7 marzo 2017 - Il Consiglio di Amministrazione di Banca Popolare di Puglia e Basilicata ha esaminato e approvato il progetto di bilancio al 31 dicembre 2016, che sottoporrà all'assemblea dei soci prevista in seconda convocazione l'8 aprile p.v.

L'utile netto di 373 mila euro sconta gli oneri di sistema che hanno pesato per 7,9 milioni di euro, quali i contributi ordinari e straordinari al Fondo di risoluzione, allo Schema Volontario nell'ambito del Fondo interbancario di tutela dei depositi (Fitd) e le rettifiche di valore del Fondo Atlante.

Tra i principali risultati conseguiti nel 2016 si citano:

• la gestione operativa in crescitapari a 8,4 milioni di euro, quale risultante di una forte riduzione di rettifiche su crediti da 78,2 a 21 mln di euro, conseguenza delle azioni di consistente rafforzamento del presidio del rischio di credito che la Banca ha posto in essere negli ultimi esercizi; di un calo dello 0,5% degli oneri operativi pari a 103 milioni di euro, grazie soprattutto all'azione di contenimento dei costi e di rinegoziazione delle forniture, che ha consentito di ridurre di oltre 1 mln (-2,4%) le altre spese amministrative;

• la crescita della raccolta gestita(+3,7%), trainata dallo sviluppo dei fondi comuni;

• l'ulteriore calo dei crediti deteriorati nettida 389 a 386 milioni di euro; con contestuale incremento del "coverage" dei crediti deteriorati che passa dal 48% al 51,3%, grazie anche alla riduzione dei nuovi flussi di crediti problematici provenienti dal portafoglio in bonis;

• l'equilibrato rapporto impieghi/raccolta diretta, pari al 78,7%rispetto al 82,3% del 2015, che consente di mantenere un ottimale livello di liquidità;

• il miglioramento sensibile dei coefficienti prudenziali: rafforzati infatti gli indici patrimoniali posti a copertura dei rischi: CET 1 e TIER 1 sono ora pari al 13,6% rispetto all'11,2% del 2015, mentre il TCR è pari a 14% rispetto al 12,6% del 2015.

Sotto il profilo commerciale, di rilievo è il flusso di nuove erogazioni di credito a famiglie e imprese, che anche quest'anno ha superato i 200 milioni di euro; la crescita della raccolta gestita e dei depositi e conti correnti, che testimoniano lo strutturale supporto alle esigenze del territorio da parte della Banca e la crescita dell'efficacia commerciale nei confronti dei Clienti e Soci.

In sintesi - dichiara il Presidente Leonardo Patroni Griffi  - i risultati raggiunti con l'ulteriore rafforzamento della patrimonializzazione e delle coperture creditizie, la stabilizzazione dello stock di crediti deteriorati e il ritorno all'utile netto, consentono di ritenere completata l'azione di risanamento della Banca e al contempo avviato il rilancio cui sono stati dediti il Consiglio e il management nel triennio 2014-2016.

Ci sono tutte le condizioni – aggiunge l'Amministratore Delegato, Alessandro Maria Piozzi - per avviare una ulteriore fase volta a garantire il consolidamento dei risultati raggiunti e a condurre la banca verso un modello di business più evoluto nonché alla generazione di valore per tutti gli stakeholders.