News
  01.01.2006 - BPPB: Semestrale 2002 utile netto + 30%

Il Consiglio di Amministrazione della Banca Popolare di Puglia e Basilicata ha approvato il bilancio semestrale al 30 giugno 2002, che evidenzia dati notevolmente in crescita rispetto a quelli del corrispondente semestre del 2001. L'utile delle attività ordinarie, infatti, è aumentato del 10,5%, mentre l'utile netto ha fatto registrare un incremento del 30% ed è pari a 5,399 mln. di euro.
Il Presidente della Banca Popolare di Puglia e Basilicata, Avv. Raffaele D'Ecclesiis, ha dichiarato: "E' un risultato molto soddisfacente, che conferma la bontà delle nostre scelte strategiche tese ad una crescita graduale e costante. Le banche locali che, come la Popolare Puglia e Basilicata, hanno in questi ultimi anni riaffermato la loro scelta di autonomia societaria, si sono fortemente impegnate nella ricerca delle soluzioni più idonee a migliorare in efficienza e, quindi, in competitività, in un mercato dalla concorrenza sempre più accesa. In tale contesto, la Banca Popolare di Puglia e Basilicata svolge il proprio ruolo con serietà e determinazione. E' in avanzata fase di realizzazione il programma di espansione territoriale approvato dalla Banca d'Italia, che porterà entro pochi mesi il numero degli sportelli dagli attuali 73 ad 85. Le nuove aperture ci consentiranno un maggiore presidio del territorio di riferimento e l'ingresso nel mercato del credito delle regioni limitrofe".
La raccolta onerosa della BPPB, nel 1° semestre 2002, ha sfiorato i 1.835 mln. di euro, con un incremento del 6,1%. E' aumentata anche la raccolta complessiva da clientela del 6,8%., passando da 3.383 a 3.614 mln. di euro. In forte crescita anche i ricavi netti da servizi, passati da 13.352 a 15.533 mln. di euro, con un incremento del 16,33%. Gli impieghi a clientela sono aumentati del 15,6%, passando da 1.107 mln. nel 2001 a 1.280 mln. di euro nel 2002, mentre l'indice delle sofferenze nette su impieghi a clientela si è attestato intorno all'1,5%. I mezzi patrimoniali sono aumentati del 7,1%, passando da 144,8 mln. nel 2001 a 155,1 mln. nel 2002.
"I numeri della nostra Banca - spiega il Direttore Generale dott. Errico Ronzo - nascono da strategie attente ed orientate alla completa soddisfazione delle esigenze della clientela, a qualsiasi segmento essa appartenga. Gli investimenti, che non sono solo finanziari ma anche orientati alla costante crescita delle professionalità interne, sono rivolti in modo primario alla qualificazione del rapporto con i clienti. L'evoluzione delle esigenze della clientela fornisce infatti notevoli stimoli alla ricerca di soluzioni innovative ed efficaci, che si inseriscono nella tradizione di serietà e solidità che da sempre contraddistingue la Banca e che la rende un punto di riferimento nell'economia del nostro territorio. La Banca Popolare di Puglia e Basilicata continua dunque ad essere impegnata nell'affrontare e sostenere le sfide del mercato, tutelando, attraverso una gestione prudente, efficiente e trasparente, l'investimento dei propri oltre 19.000 soci".