News
  21.07.2009 - La Popolare di Puglia e Basilicata acquista dal gruppo Montepaschi 15 sportelli in Piemonte Lombardia e Lazio

 

La Banca Popolare di Puglia e Basilicata ha sottoscritto gli accordi preliminari di compravendita per 15 sportelli dal Gruppo Banca Monte dei Paschi di Siena. Si tratta di 15 filiali operative nelle province di Mantova (7), Vercelli (4), Biella (2), e Roma (2) con una raccolta globale pari a circa 654 milioni di euro e impieghi, al netto delle sofferenze, per circa 290 milioni.
Il corrispettivo per la cessione dei 15 sportelli ammonta a circa 73,5 milioni di euro, corrispondenti ad un multiplo della Raccolta Totale del Ramo d'Azienda pari all'11,25%.
L'operazione riguarda l'acquisizione del complesso delle attività e delle passività e comprende tutti i rapporti di debito e di credito (esclusi i crediti contabilizzati a sofferenza) intrattenuti con la clientela la cui gestione faccia capo ai singoli sportelli oggetto di cessione, nonché i rapporti con i 75 dipendenti.
Per la Banca Popolare di Puglia e Basilicata l'operazione si inserisce in un processo di costante sviluppo dimensionale e di rafforzamento commerciale, che si realizza attraverso una maggiore presenza nel centro-nord dove attualmente è presente con 46 sportelli.
"Sono molto orgoglioso di questa operazione - dichiara il Presidente della BPPB Raffaele D'Ecclesiis - che consente alla nostra Banca di continuare nel suo disegno di espansione territoriale nel centro nord. Con i quindici nuovi sportelli il numero delle filiali della Banca passa da 125 a 140 con un presidio in una nuova regione, il Piemonte, ed il sensibile rafforzamento della rete in Lombardia dove la Banca già opera con 6 filiali, e nel Lazio dove è già presente con 9 dipendenze. E' un passo molto importante per una banca come la nostra che, crescendo in maniera costante e sostenibile, rafforza la propria autonomia."
In particolare, oltre alle 79 filiali distribuite capillarmente in Puglia e Basilicata, la Banca conta 13 filiali nel Nord Italia in Lombardia, Veneto, Friuli ed Emilia Romagna; 22 filiali sul versante tirrenico in Campania e Lazio; 11 filiali sulla dorsale adriatica in Molise, Abruzzo e Marche.
"L'acquisizione – prosegue il Direttore Generale Errico Ronzo - consente il rafforzamento dei presidi territoriali preesistenti in undici regioni nel pieno rispetto dell'equilibrio gestionale e degli indici patrimoniali della Banca."

 
 
Altamura, 21 luglio 2009