FINANZIAMENTI ASSISTITI DALLA GARANZIA DEL "FONDO TRANCHED COVER" E CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO "TITOLO II"

Descrizione

 

FONDO DI GARANZIA TRANCHED COVER

La Banca Popolare di Puglia e Basilicata è aggiudicataria di risorse pubbliche, costituite nel Fondo di Garanzia Tranched Cover, gestito da Puglia Sviluppo Spa, a garanzia di finanziamenti richiesti dalle Pmi (Micro, Piccole e Medie Imprese), per la realizzazione di investimenti aziendali localizzati nella Regione Puglia.

Sono ammesse all'intervento del Fondo le imprese operanti in tutti i settori (escluso: l'agricoltura primaria, pesca, carboniero e trasporti merci c/terzi per l'acquisto di veicoli),
per finanziamenti aventi specifiche caratteristiche indicate nell'avviso pubblico B.U.R.P. n. 1 del 02/01/2014, reperibili alle pagine web: www.pugliasviluppo.eu.

A parità di ogni altra condizione, i finanziamenti assistiti dalla garanzia del Fondo Tranched Cover sono regolati a tassi e condizioni più favorevoli dei prodotti standard: i tassi d'interesse (fisso e/o variabile) sono calcolati sulla base del parametro di riferimento Irs/Euribor del periodo, maggiorato di uno spread massimo del 5% e sono esenti da commissioni istruttoria. Ulteriori dettagli sono consultabili nei fogli informativi reperibili all'indirizzo web: www.bppb.it.

AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE RIGUARDANTI IL TITOLO II

CAPO 3 – aiuti agli investimenti delle PMI;

CAPO 6 – aiuti agli investimenti delle PMI nel settore turistico-alberghiero

 

 

Le imprese che intendono realizzare nuovi programmi di investimento localizzati nella Regione Puglia, recandosi presso qualsiasi filiale della Banca Popolare di Puglia e Basilicata, hanno l'opportunità di accedere agli strumenti agevolativi disciplinati  dal TITOLO II Capo 3 e capo 6 previsti  dal Regolamento Regionale n. 17 del 30.09.2014 (B.U.R.P. n. 139 suppl. del 06.10.2014). 

 

Detti strumenti prevedono  l'accesso a finanziamenti a sostegno dei programmi di investimenti, supportati da agevolazioni contributive la cui intensità di aiuto massima, calcolata in base ai costi ammissibili al programma di investimenti,  non potrà superare:

-          il 35%  per le medie imprese;

-          il 45% per le piccole e micro imprese.

 

Le agevolazioni contributive  saranno calcolate indipendentemente dall'ammontare complessivo del progetto di spesa ammissibile, su un importo finanziato massimo di:

-          Euro 4.000.000,00 per le medie imprese;

-          Euro 2.000.000,00 per le piccole e micro imprese.

 

Sono previste le seguenti agevolazioni contributive:

1)        Contributo in conto impianti – qualunque sia la maggior durata del contratto di finanziamento accordato dalla Banca, il contributo in conto impianti sarà calcolato con riferimento ad una durata massima del finanziamento di

-          sette anni, per finanziamenti destinati alla creazione, ampliamento e/o ammodernamento dello stabilimento (oltre eventuale preammortamento di 24 mesi se previsto dal finanziamento);

-          cinque anni, per finanziamenti destinati all'acquisto di macchinari, attrezzature, brevetti, licenze (oltre eventuale preammortamento di 12 mesi se previsto dal finanziamento);

 

2)      Contributo aggiuntivo in conto impianti determinato nella misura del 20% della spesa ammissibile al progetto, riguardante solo macchinari ed attrezzature (TITOLO II – Capo 3)  e  sull'intera spesa ammissibile per le imprese operanti nel settore turistico-alberghiero   (TITOLO II – Capo 6)  - Il contributo aggiuntivo in conto impianti potrà essere massimo di    € 800.000 per le medie imprese
- € 400.000 per le micro e piccole impresePer le imprese che hanno conseguito le medie imprese.

Per le condizioni non riportate nel presente messaggio pubblicitario a scopo promozionale consulta la seguente documentazione in materia di Trasparenza
Foglio Informativo